Web marketing politico elettorale

Il presidente degli Stati Uniti OBAMA ha veicolato sul web gran parte della sua campagna elettorale: una conferma del fatto  che il web è diventato un elemento importante, anche se non fondamentale,  del marketing politico.

Il Marketing politico , anche se potrebbe essere un concetto percepito come negativo, deve essere visto come strumento di forte partecipazione , mobilitazione, formazione di gruppi di supporto.

Strumenti come i Blog, l'uso sempre più diffuso dei Social network, il sito web stesso, devono considerarsi nell'ottica di creazione di una comunicazione bidirezionale, non solo come strumento per "farsi pubblicità".

Gli strumenti web 2.0 sono da considerarsi tali solo se favoriscono la condivisione, la partecipazione reale, la diffusione di idee e conoscenza. Ci deve essere un'andata e un ritorno...

In Italia , nelle ultime elezioni, non si è visto un uso molto coerente della comunicazione web in ambito politico: l'unico forse che si è distinto in maniera positiva è l'attuale governatore della Puglia.

L'utilizzo corretto del web in marketing politico può fare la differenza anche per ridurre l'astensionismo: se è vero che la percentuale maggiore degli astenuti (sempre crescente) appartiene alla fascia di età 18-25, e che i maggiori utilizzatori di internet appartengono proprio a quella fasca, ci si rende conto dei positivi margini che può avere una buona strategia di marketing politico.


SCARICA LA PUBBLICAZIONE:

Elezioni amministrative elezione a Sindaco nel Comune di Cento . Astensionismo elettorale e nuovi media: Le opportunità degli strumenti di Web Marketing in campagna elettorale.